Destinazioni

Siviglia è la città che tutti dovrebbero visitare. Ecco alcune cose da non perdersi nella città spagnola

Con il suo fascino e la sua storia, Siviglia è la città spagnola che tutti dovrebbero visitare. Contaminazioni culturali e monumenti di alto valore storico-artistico ne fanno la meta privilegiata di coloro che amano i viaggi all’insegna dell’arte.

Siviglia custodisce un patrimonio artistico di grande valore: la Giralda, i Reales Alcazares e la Cattedrale di Santa Maria ne sono solo un esempio. Ma la città andalusa è anche flamenco, tapas, feste e corrida. Tra i suoi vicoli si respira a pieni polmoni tutto ciò che incarna l’essenza della cultura spagnola. L’ideale sarebbe visitarla nelle stagioni più miti, quando la temperatura non è ancora troppo calda. Tuttavia, Siviglia è una città che può essere vissuta in qualsiasi periodo dell’anno: in estate, la vita della città si concentra sulle rive del fiume Gualdalquivir, mentre d’inverno i cittadini si riuniscono in locali e taverne.

Se avete in mente di fare una piccola vacanza a Siviglia, ecco un elenco di luoghi da visitare per godersi il divertimento senza trascurare il lato artistico e culturale della città.

La Cattedrale di Siviglia

La Cattedrale di Santa Maria di Siviglia è il più importante edificio cristiano dopo la Basilica di San Pietro. Sorta sui resti della Moschea Mayor, presenta uno stile gotico arricchito però da una cupola rinascimentale. Il suo interno è suddiviso in cinque navate e ospita due cappelle, la Cappella Reale e la Cappella Maggiore.

La Torre Giralda

La Giralda è la torre campanaria della Cattedrale. Alta ben 96 metri, sovrasta la città e deve il suo nome alla statua della Fede che gira si sé stessa in base alla direzione del vento. Una volta saliti in cima si resta sbalorditi dallo spettacolo del panorama che si spalanca davanti agli occhi.

Plaza de España

Plaza de España è una delle attrazioni principali di Siviglia e fu inaugurata nel 1929. Nota ai più per il tripudio di maioliche dipinte che l’adornano, è ricca anche di simbologia: la forma semicircolare rappresenta l’abbraccio della Nazione alle colonie, le 58 panchine rappresentano le province della Spagna, il suo affaccio verso il fiume simboleggia la rotta da seguire per l’America.

Il Real Alcazar

Il Real Alcazar è una delle dimore reali. La sua architettura è costituita da un felice connubio tra arte occidentale ed orientale, costruita a partire dal Trecento e poi arricchita nel corso dei secoli. I lussureggianti giardini accolgono fontane, statue e spazi verdi nei quali passeggiare e godere di un po’ di pace e tranquillità.

Il Barrio de San Bartolmé

Con il suo intreccio di stradine, il Barrio de San Bartolmé rappresenta il cuore della parte antica di Siviglia. Passeggiare nel quartiere vuol dire fare un tuffo nel passato, tra architetture barocche, rinascimentali e gotiche. Partendo dalla Chiesa di Santa Maria la Blanca si giunge fino alla Chiesa di Santa Maria Magdalena, attraversando un labirinto di viuzze silenziose.

Il fiume Guadalquivir

Per rilassarsi e godersi il panorama, l’ideale è fare una crociera lungo il fiume Gualdalquivir che attraversa e divide in un due la città.

Non solo arte e storia

Ma Siviglia non è solo arte e storia. La città offre la possibilità di acquistare oggetti di ceramica fatti a mano nel quartiere di Triana che, oltre alle varie botteghe, ospita un mercato coperto dove è possibile ammirare i resti delle civiltà passate. Per i buongustai, Siviglia è la patria delle tradizionali tapasLe zone ideali sono quelle de La Macarena e di Trina. Tra i dolci tipici segnaliamo: le torrijas, gli alfajores e i borrachuelos. Tornerete a casa con qualche chilo in più ma felici e soddisfatti! Per gli amanti della vita notturna è d’obbligo invece assistere a uno dei tanti spettacoli di flamenco che si svolgono nei locali della città dal tramonto in poi.

Non vi resta che preparare le valige e partire!

RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.