Il Parco Nazionale del Serengeti in Tanzania, il lato più selvaggio dell’Africa

Oggetto di numerosissimi documentari, il Parco Nazionale del Serengeti in Tanzania rappresenta il lato più selvaggio dell’Africa. Qui, tra safari e tour fotografici, la leggenda incontra la realtà.

Il Parco Nazionale del Serengeti è il più antico e vasto della Tanzania, con una superficie di 14.743 kmq e il suo nome di origine Masai che significa “Pianura senza confini”.

Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco, il parco è stato dichiarato Riserva Internazionale della Biosfera nel 1981. Ogni anno, i suoi vasti territori sono attraversati da milioni di erbivori, soprattutto gnu e zebre. I tanti animali che dimorano nel parco si nutrono di pascoli ricchi di calcio, potassio e carbonato di sodio, minerali dovuti al suolo vulcanico e molto utili durante l’allattamento. Tra i predatori, qui i leoni primeggiano, ma vi sono anche ghepardi, leopardi, sciacalli, iene, avvoltoi e qualche esemplare di licaone.

Zebras herd on savanna at sunset, Africa. Safari in Serengeti, Tanzania

Le praterie sono interrotte dai Kopjes, enormi formazioni granitiche che talvolta recano pitture rupestri eseguite dalle antiche tribù Masai. Lungo i fiumi si possono osservare coccodrilli e ippopotami.

La vegetazione del Parco Nazionale del Sergenti è quella tipica della savana: acacie ad ombrello ed erbe basse che consentono facili avvistamenti.

Nel Sergenti, oltre ai mammiferi, si possono vedere lucertole, scarabei, struzzi ed aquile. Indescrivibile è il senso di libertà che si respira e la bellezza della pianura che si estende a perdita d’occhio.

Tanzania e Parco Nazionale del Sergenti: quando è meglio andare? 

Il periodo migliore per visitare la Tanzania e Parco Nazionale del Sergenti è tra fine dicembre e marzo, quando nel sud è possibile osservare le mandrie ferme per la riproduzione e per il parto, o tra giugno e settembre, periodo in cui i predatori sono appostati in attesa di godersi un lauto pasto.

Leggi anche:   Il Barocco Siciliano: un itinerario in 5 tappe alla scoperta Val di Noto

Come arrivare al Parco Nazionale del Sergenti

L’aeroporto più vicino al Sergenti è il Kilimanjaro Airport.

Giverny: il pittoresco villaggio della Normandia dipinto da Claude Monet

Situato a pochi chilometri da Parigi, in Normandia, Giverny è il pittoresco villaggio dipinto da Claude Monet. Scopriamolo insieme in Read more

Il Salento, terra tra due mari tutta da scoprire

Il Salento: una terra situata tra due mari tutta da scoprire. Situato nell'estremo lembo della Puglia, incastonato tra il Mar Read more

Copenaghen: alcuni spunti di viaggio per non perdersi nulla

Copenaghen è una città ricca di fascino e di sorprese, un felice connubio tra innovazione e tradizione. Passeggiando per le Read more

Siviglia è la città che tutti dovrebbero visitare. Ecco alcune cose da non perdersi nella città spagnola

Con il suo fascino e la sua storia, Siviglia è la città spagnola che tutti dovrebbero visitare. Contaminazioni culturali e Read more

Viaggio nella bellezza della Barcellona di Antoni Gaudí

La Barcellona di Antoni Gaudí è da sempre una delle mete più apprezzate dai viaggiatori. Arte, cultura e meraviglia in una Read more