Crea sito

Il Giardino di Ninfa: il più bello e romantico del mondo

Il Giardino di Ninfa, situato a Cisterna di Latina, è per il New York Times “il più bello e romantico del mondo”. Scopriamo insieme questo autentico gioiello italiano!

L’incantevole Giardino di Ninfa, dichiarato Monumento Naturale della Regione Lazio, sembra un luogo uscito dai libri delle fiabe. La sua fama internazionale si deve all’amenità del luogo, un giardino storico che sorge sulla scomparsa cittadina di epoca medievale nota come Ninfa, della quale oggi restano soltanto pochi ruderi.

Giardino di Ninfa

La storia 

La storia del Giardino di Ninfa ha inizio nel XIV secolo quando, al posto dell’area che possiamo ammirare oggi, sorgeva un piccolo borgo medievale il cui nome era dovuto alla presenza di un tempietto di epoca romana dedicato alle Ninfe Naiadi, divinità delle acque sorgive. Le sue mura, che si estendevano per 1400 metri, racchiudevano oltre centocinquanta case, circa quattordici chiese, strade, mulini, ponti, due ospedali, un castello e un municipio. Il nucleo abitato era attraversato da un fiume sul quale sorgevano tre ponti, dei quali il più antico fu costruito in epoca romana.

Distrutto nell’XVI secolo, il paesino fu sostituito da un giardino per iniziativa della famiglia Caetani, che vi volle impiantare diverse specie botaniche, polle d’acqua e fontane. L’attuale aspetto si deve però ad Ada Bootle Wilbraham che, nell’Ottocento, volle realizzare un vero e proprio giardino all’inglese, procedendo con la bonifica delle paludi e con il restauro di alcune rovine. La cura del giardino fu poi continuata dagli altri discendenti della famiglia Caetani e a Leila, l’ultima erede, si deve l’istituzione della Fondazione Roffredo Caetani che, ancora oggi, si prende cura degli otto ettari del giardino dove sono impiantate ben 1300 specie botaniche: magnolie, betulle, iris acquatici, diversi aceri giapponesi, alberi di ciliegio e meli e tantissime varietà di rose che sbocciano e si arrampicano sugli alberi e sulle rovine. Non mancano specie tropicali come l’avocado, la gunnera manicata e i banani.

Leggi anche:   Villa Taranto a Verbania, un onirico orto botanico sul Lago Maggiore

Quando visitare il Giardino di Ninfa

Il Giardino di Ninfa, considerato uno dei pochi luoghi al mondo dove natura e storia formano un felice ed affascinate connubio, si trova al confine tra Norma e Sermoneta. Difficile definire se questo luogo fatato sia più bello in autunno o in primavera, dal momento che ogni stagione dell’anno regala fioriture che lasciano a bocca aperta i tantissimi visitatori che ogni anno giungono da tutto il mondo. Scorci di inedita bellezza si offrono agli occhi di chi percorre le sue stradine e si lascia trasportare dallo scroscio dei ruscelli e dallo scorrere lento del fiume Ninfa. Tutto qui è incanto e magia, luogo dove ristorare l’anima dai tumulti della vita frenetica dei nostri tempi.

Informazioni utili

Per conoscere giorni, orari di apertura, prezzi e prenotare una visita vi invitiamo a visitare il sito ufficiale del Giardino di Ninfa cliccando qui.

 

 

 

Il Parco dei Mostri di Bomarzo: un “Sacro Bosco” nel cuore della Tuscia

Il Parco dei Mostri di Bomarzo, a pochi chilometri da Viterbo, è uno dei tesori italiani tutti da scoprire. Un Read more

Castelluccio di Norcia: la fioritura della lenticchia e delle piante selvatiche sembra uscita da un quadro di Monet

C'è un luogo in Italia dove si ha l'impressione di passeggiare in un quadro di Monet o di Renoir: è Read more

La Collina Rosa in Giappone: un tappeto di fiori nel cuore di Hokkaido

La natura ci sorprende sempre e ed è in grado di regalarci spettacoli davvero singolari, come nel caso della Collina Read more

La fiabesca foresta viola di Hallerbos, in Belgio

Che ci crediate o no, la foresta descritta nelle tante fiabe esiste davvero: si chiama Hallerbos e si trova in Read more