Cappadocia in mongolfiera: in volo sulla valle di Göreme

La valle di Göreme, in Cappadocia, è il luogo ideale per ammirare il panorama con un mozzafiato giro in mongolfiera.

La città di Göreme, nell’Anatolia Centrale, è conosciuta anche con l’antico nome di Nissa. Dista pochissimi chilometri dalla capitale Nevşehir ed è diventata una meta irrinunciabile per tutti coloro che amano i voli in mongolfiera. Dall’alto dei palloni aerostatici, infatti, si può godere di una vista mozzafiato su un vero e proprio museo all’aria aperta e, proprio per questa ragione, a partire dal 1985 è entrata nell’elenco del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

La valle di Göreme può vantare un paesaggio unico al mondo, caratterizzato da rocce di tufo erose dal tempo e dagli agenti atmosferici. L’azione dell’uomo ha poi completato l’opera, scavandone la superficie e ottenendo dei suggestivi insediamenti. Dall’alto di una mongolfiera, i tetti di pietra con oblò e finestre lasciano stupefatti i visitatori, ma ciò che ammalia di più sono i cosiddetti camini delle fate. La loro particolare forma è dovuta alla continua erosione delle rocce tufacee e, partire dal IV secolo, sono state adibite ad insediamento. Il loro nome fiabesco è dovuto alla leggenda secondo cui i “tetti” di questi camini rocciosi siano stati posti da dita divine.

Se desiderate fare un giro in mongolfiera, sappiate che l’alba e il tramonto sono i momenti più gettonati. Le rocce, colorate di rosso dal sole, danno l’impressione di trovarsi non sulla terra ma su qualche altro pianeta, non a caso questa regione è stata il set di Guerre Stellari.

Il periodo migliore per visitare la valle di Göreme è in estate, ma in inverno il paesaggio diventa ancora più magico quando si copre di neve. Göreme è costellata di chiese scavate nella roccia e decorate al loro interno con affreschi dalle tinte accese, veri e propri scrigni di colore racchiusi in un guscio di tufo.

Leggi anche:   Giverny: il pittoresco villaggio della Normandia dipinto da Claude Monet

Come arrivare in Cappadocia

La Cappadocia può essere raggiunta in aereo, in pullman (anche se il viaggio è davvero lungo) e in treno, scendendo alle stazioni ferroviarie di Kayseri e Nidge. Il miglior modo per visitare la regione è noleggiando un’auto oppure optando per una soluzione più green, ad esempio in bicicletta o addirittura a cavallo. Tutti i percorsi sono ben segnalati ed è impossibile perdersi, dato che i villaggi sono l’uno accanto all’altro. Un volo in mongolfiera costa tra i 150 e i 200 euro, ma vi assicuriamo che ne vale davvero la pena!

Aurora Boreale, uno spettacolo a cielo aperto. Dove e quando vederla

L'Aurora Boreale è uno degli spettacoli della natura che più affascinano. Luci spettacolari tingono il cielo, posandosi su boschi e Read more

Alla scoperta di Petra, la città rosa scolpita nella roccia

Dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, Petra è l'antichissima città rosa scavata nella roccia e considerata una delle sette meraviglie del mondo. Read more

Il Parco Nazionale del Serengeti in Tanzania, il lato più selvaggio dell’Africa

Oggetto di numerosissimi documentari, il Parco Nazionale del Serengeti in Tanzania rappresenta il lato più selvaggio dell'Africa. Qui, tra safari Read more

Las Coloradas, l’incantevole laguna rosa nello Yucatán

Sembra uscita dal pennello di un pittore, ma è più vera che mai. La laguna rosa dello Yucatán incanta tutti Read more

Chefchaouen, il paesino noto come la “Perla Blu” del Marocco

Chiamata la "Perla Blu" del Marocco, Chefchaouen è una delle città più affascinanti e caratteristiche del mondo. Le sue case color Read more