Percorsi artistici e letterari

Monk’s House: “il regno incantato” di Virginia Woolf

Monk’s House, nel Sussex, è la casa dove Virginia Woolf ed il marito Leonard assaporarono la semplicità della vita.

Monk’s House, pittoresco cottage nella campagna inglese, fu il rifugio di Virginia Woolf e del marito Leonard. Tra le sue stanze, la scrittrice si rifugiava dopo aver passeggiato nel verde e, davanti ad una tazza di tè bollente, dava vita ad alcuni dei suoi romanzi più celebri.

«Domani», scriveva Virginia, «annuserò una rosa rossa; solcherò dolcemente il prato (mi muovo come se portassi sul capo un cestino di uova) mi accenderò una sigaretta, mi metterò sulle ginocchia la tavola per scrivere; e con grande cautela mi immergerò, come un palombaro, nell’ultima frase che ho scritto ieri». Annotava nel 1933: «Avevo davvero un interesse profondissimo a scrivere, qui, perché ho dato da mangiare ai pesci rossi, perché ho contemplato la peschiera nuova, perché ho giocato a bocce… la felicità».

Virginia amava il suo lavoro ed adorava la semplicità di una vita piuttosto spartana, senza troppi fronzoli. Purtroppo, però, a Monk’s Houss visse anche gli ultimi drammatici momenti prima del suicidio. Visitare Monk’s House vuol dire immergersi nel mondo della scrittrice, nella sua intimità. La casa oggi appartiene al National Trust che, grazie all’aiuto di tantissimi volontari e di alcuni custodi, si occupa della cura dei giardini e dell’apertura al pubblico della casa.

Come arrivare a Monk’s House: mezzi, prezzi e tempi di percorrenza

La distanza tra Londra e Monk’s House è 47 miglia. La distanza stradale è 59.9 miglia. La soluzione più economica per arrivare da Londra a Monk’s House è bus che costa 9€ – 15€ e impiega 4 h 17 min. Se cerchi invece un modo per raggiungere velocemente la tua destinazione, ti consigliamo di prendere un’auto: costa 11€ – 17€ e impiega 1 h 22 min. Treni e bus partono dalla stazione London Victoria.

Non ci resta che augurarvi buon viaggio!

RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Un commento

  • downlinks

    wоnderful post, very informative. I wonder why tһe oppоsite spеcialіstѕ of
    thiѕ sect᧐r do not notice this. You shoսld continue your writing.
    I’m ѕure, yoս’ve a ցreat readers’ Ƅase already!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *