Poesie di viaggio

“Di fronte all’Africa”: la poesia di Hermann Hesse dedicata ai viaggiatori

Hermann Hesse, scrittore e poeta, ci ha lasciato una raccolta di versi dedicati al tema del “viaggio”. Vi facciamo leggere una delle sue poesie più belle, dal titolo “Di fronte all’Africa”.

Stanco della vita monotona e della routine quotidiana, Hermann Hesse intraprese nel 1911 un viaggio per l’India in compagnia dell’amico pittore svizzero Hans Sturzenegger. La splendida avventura durò circa tre mesi, durante i quali lo scrittore ebbe modo di visitare l’Indonesia e lo Sri-Lanka, terre che poi hanno ispirato il suo celebre capolavoro Siddharta. 

La poesia che vi proponiamo, dal titolo Di fronte all’Africa ha come protagonista un viandante che si sente cittadino del mondo e, in cuor suo, non ha patria. Il desiderio di conoscere e di entrare in contatto con culture diverse dalla sua lo spinge ad abbandonare gli affetti e la casa per mettersi in viaggio, cosciente delle gioie e dei dolori che dovrà sopportare lungo il cammino. Non è forse anche una metafora della vita?

Aver casa e’ bello
dolce il sonno sotto il proprio tetto,
figli, giardino e cane. Ma ahime’,
appena ti sei riposato dall’ultimo viaggio,
gia’ con nuove lusinghe il mondo lontano t’insegue.
Meglio e’ patire nostalgia di casa
e sotto l’alto cielo essere,
col proprio struggimento soli.
Avere e riposare puo’ soltanto
l’uomo dal cuore tranquillo,
mentre il viandante sopporta stenti e pene
con sempre delusa speranza
piu’ facile e’ l’ampliamento di un viaggio
piu’ facile che trovar pace nella valle natia,
dove tra gioie e le cure ben note
solo il viaggio sa costruirsi la via.
Per me e’ meglio cercare e mai trovare
che legarmi stretto a quanto mi e’ vicino,
perche’ in questa terra, anche nel bene,
s
aro’ sempre un ospite e mai un cittadino.

Hermann Hesse

Ci auguriamo che questa poesia abbia acceso in voi il desiderio di viaggiare perché, come scrisse Marcel Proust,  “Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *