Crea sito

Chefchaouen, il paesino noto come la “Perla Blu” del Marocco

Chiamata la “Perla Blu” del Marocco, Chefchaouen è una delle città più affascinanti e caratteristiche del mondo. Le sue case color cobalto attirano ogni anno numerosi visitatori che vi giungono da ogni angolo del globo.

Chefchaouen si trova a 110 chilometri a sud ovest da Tangeri e fu fondata nel 1451 da esiliati andalusi ebraici e musulmani. Proprio come le loro città d’origine, Chefchaouen ha case basse e vicoli stretti che si intersecano tra di loro. Noto ai visitatori per il caratteristico azzurro che tinge ogni cosa, questo straordinario borgo è stato inserito al sesto posto nella lista delle 50 città più belle del mondo da Cond Nast Travel.

Come arrivare a Chefchaouen

Chefchaouen è incorniciata dalle verdi vette del Rif e, anche se è un importante centro turistico, è ancora oggi esclusa dai tour classici perché non si arriva con grande facilità. Da Rabat e Fez ci sono circa 4 o 5 ore di strada, mentre da Tangeri si contano 2 ore di auto. Pertanto, sarebbe consigliabile organizzare un tour ad hoc e pernottare in città in modo tale da godersi appieno la bellezza e l’autenticità del luogo. Tuttavia, i marocchini che vivono qui non sono ancora abituati ai flussi turistici ed alle abitudini occidentali e, dunque, sarebbe opportuno rispettare la loro privacy evitando di immortalarli nei nostri scatti a meno che non siano loro a chiedercelo.

Quanti giorni dedicare alla visita di Chefchaouen e cosa visitare

Conviene fermarsi a Chefchaouen per almeno due notti. Stagioni ideali sono la primavera e l’autunno, quando non fa troppo caldo ed il soggiorno è più piacevole. Questo piccolo villaggio saprà sorprendervi con le sue stradine blu spesso adorne di fiori e popolate da gatti che sonnecchiano o passeggiano pigramente. Non dimenticate di addentrarvi nella medina, considerata una delle più belle del Marocco. In Plaza Una el-Hammam sono situate la Kasbah e la Grande Moschea, oltre che una serie di caffè e ristoranti dove riposarsi e rilassarsi.

Leggi anche:   Viaggio nella bellezza della Barcellona di Antoni Gaudí

Cosa comprare a Chefchaouen

Terminata la visita, concedetevi qualche ora di svago nelle tante botteghe artigianali di Chefchaouen. Tra i souvenirs da portare a casa vi consigliamo di scegliere i prodotti a base di olio d’argan e le coloratissime borse in rafia da sfoggiare in spiaggia.

Se cerchi un alloggio a Chefchaouen, ti suggeriamo di dare un’occhiata alle offerte di BOOKING!

RIPRODUZIONE RISERVATA

Aurora Boreale, uno spettacolo a cielo aperto. Dove e quando vederla

L'Aurora Boreale è uno degli spettacoli della natura che più affascinano. Luci spettacolari tingono il cielo, posandosi su boschi e Read more

Alla scoperta di Petra, la città rosa scolpita nella roccia

Dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, Petra è l'antichissima città rosa scavata nella roccia e considerata una delle sette meraviglie del mondo. Read more

Cappadocia in mongolfiera: in volo sulla valle di Göreme

La valle di Göreme, in Cappadocia, è il luogo ideale per ammirare il panorama con un mozzafiato giro in mongolfiera. Read more

Il Parco Nazionale del Serengeti in Tanzania, il lato più selvaggio dell’Africa

Oggetto di numerosissimi documentari, il Parco Nazionale del Serengeti in Tanzania rappresenta il lato più selvaggio dell'Africa. Qui, tra safari Read more

Las Coloradas, l’incantevole laguna rosa nello Yucatán

Sembra uscita dal pennello di un pittore, ma è più vera che mai. La laguna rosa dello Yucatán incanta tutti Read more