Alla scoperta di Petra, la città rosa scolpita nella roccia

Dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, Petra è l’antichissima città rosa scavata nella roccia e considerata una delle sette meraviglie del mondo.

Petra, in Giordania, è uno dei luoghi più magici del mondo. I suoi visitatori restano incantati dal fascino edalla magia dei suoi spettacolari canyon, i colori intensi che vanno dal rosa della roccia, al giallo ocra della terra e al rosso infuocato del tramonto.

Scoperta dall’esploratore svizzero Johann Ludwig Burckhardt nel 1812, Petra era la capitale dei Nabatei.

Nel corso dell’VIII secolo fu abbandonata e, benché vi abbiano dimorato a lungo i beduini, fu dimenticata fino a due secoli fa. Avvolta dalla leggenda, Petra è meta di moltissimi viaggiatori ogni anno e può essere raggiunta solo a piedi o a cavallo. L’ingresso più spettacolare è attraverso la lunga e profonda fessura rocciosa posta a Oriente e chiamata Siq. Il visitatore, superato questo ingresso naturale, si ritrova di fronte al Khasneh al Faroun (il Tesoro del Faraone), una maestosa facciata scolpita direttamente nella roccia. Larga 30 metri e alta 43, fiancheggiata da maestosi speroni di roccia, è stata scavata per ospitare la tomba di un importante re nabateo. Il suo color rosa pallido e la perfezione del rilievo testimoniano la perizia architettonica di questo antico popolo.

Ma Petra non è solo il Tesoro del Faraone: per poter godere appieno di tutte le bellezze che potrà offrivi, è consigliabile un soggiorno di quattro o cinque giorni. Tra le centinaia di tombe scavate nella roccia, si scorgono un teatro, obelischi, templi, altari e strade colonnate.

Il sito ospita anche due musei: il Museo Archeologico di Petra e il Museo Nabateo di Petra. In questo scenario di straordinaria bellezza è possibile acquistare diversi prodotti artigianali venduti sulle tante bancarelle allestite dai beduini che vivono nei pressi dell’insediamento.

Leggi anche:   Mmuseumm: il bizzarro museo di New York realizzato in un ascensore

Quando visitare Petra e la Giordania

Se avete la passione per la fotografia o desiderate comunque portare a casa qualche suggestivo scatto, vi consigliamo di visitare Petra al mattino presto o nel tardo pomeriggio, quando la luce del sole mette in risalto il meraviglioso rosa delle rocce. Il modo migliore per visitare la Giordania è un tour che comprenda la capitale Amman, un bagno nelle acque salate e benefiche del Mar Morto, una scalata sulla cima del monte Nebo (dalla cui sommità si possono ammirare la Terra Santa e Gerusalemme) e infine fare tappa a Petra.

Chi ama l’avventura e il romanticismo può spostarsi in jeep e concedersi una cena in una tenda immersa nel silenzio del deserto, magicamente illuminato dalla luna e da un tappeto di stelle. Il periodo migliore per visitare la Giordania è in primavera o in autunno, in modo da sfuggire al caldo rovente dell’estate.

Bassins de Lumières: il museo di arte digitale più grande del mondo

Les Bassins de Lumières è il museo di arte digitale più grande del mondo, si trova a Bordeaux ed è Read more

La chiesa più colorata del mondo si trova nelle Langhe ed è la Cappella del Barolo

La Cappella del Barolo, gioiello artistico delle Langhe, è una splendida e coloratissima chiesetta che porta la firma di due Read more

Il Taj Mahal in India: «una lacrima di marmo, ferma sulla guancia del tempo»

Considerato una delle sette meraviglie del mondo, il Taj Mahal in India racconta anche di una grande storia d'amore: fu Read more

Praga, architettura a passi di danza: la famosa casa dedicata a Fred e Ginger

Originalmente soprannominata Fred and Ginger, in onore dei due famosi ballerini Fred Astaire e Ginger Rogers, la Casa Danzante è Read more